Indietro Home

BORIS GIULIANO

BORIS GIULIANO

BORIS GIULIANO 







































Paolo Borsellino, nell' ordinanza-sentenza di rinvio a giudizio del primo maxiprocesso contro la mafia, ha scritto : " Deve comunque ascriversi ad ennesimo riconoscimento dell' abilita'  investigativa di Boris Giuliano, se quanto e' emerso faticosamente solo adesso, a seguito di indagini istruttorie complesse e defatiganti, era stato da lui gia' perfettamente intuito e inquadrato diversi anni prima. Senza che cio' voglia suonare critica ad alcuno, deve riconoscersi che se altri organismi statali avessero adeguatamente compreso e assecondato l' intelligente impegno investigativo del Giuliano, probabilmente le strutture organizzative  della mafia non si sarebbero così enormemente potenziate e molti efferati assassinii, come quello  dello stesso Giuliano, non sarebbero stati consumati !"


 

BORIS GIULIANO

 

 

 

 

 

 

BORIS GIULIANO 

 

 

 












 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 IL MERITO DI TUTTO QUESTO E' DI TANTI UOMINI , DI TANTI CORAGGI,  DI TANTE BUONE VOLONTA' CHE SI SONO MESSE INSIEME. TANTI UOMINI HANNO PAGATO PREZZI ALTISSIMI, MA IL LORO LAVORO HA FUNZIONATO MALGRADO I TANTI, TROPPI "FRENATORI". MA POICHE' LE COSE CHE SUCCEDONO HANNO SEMPRE UN INIZIO IN UN SEME PIANTATO QUANDO LA TERRA  ERA ANCORA ARIDA, DURA E AVARA, EBBENE ALLORA SI SAPPIA CHI LO PIANTO' E SI SPOSTI INDIETRO A QUEGLI ANNI STRAORDINARI LA LANCETTA DELL' OROLOGIO  DELLA STORIA. QUANDO SI MISE ALL' OPERA UNA SQUADRA  FATTA DI UOMINI IN CARNE E OSSA, GUIDATA DA UN CAPO CHE SAPEVA ESSERE CAPO. UOMINI GIUSTI CHE COMINCIARONO A LAVORARE PER UNA CITTA' CHE NON SEMPRE HA SAPUTO MERITARLI. MA CHE OGGI HA ALMENO IL DOVERE DI RICORDARLI.


                            DANIELE BILLITTERI





 

 

 

BORIS GIULIANO 

 

 




BORIS GIULIANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 





Da buon  "americano" gli piaceva il poker con quattro carte scoperte e tutto il mazzo dall'asso al kappa. Una sera prese un piatto con due assi e due otto.  " Sono le carte che aveva in mano Wild Bill Hickok quando lo uccisero sparandogli alle spalle mentre giocava a un tavolo su un battello in servizio sul Mississipi. Da allora questo gioco si chiama < la mano del morto >. Ah, per inciso, Willi Bill era un Town Marshal, capo degli sceriffi...."


           Daniele Billitteri


BORIS GIULIANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BORIS GIULIANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




























Penso che non sia la sua morte ad averne fatto un eroe, ma la sua vita.  Perche' fu lui, trent'anni fa, a scrivere, con il suo metodo d'indagine, l'inizio della fine ! "


                                     Daniele Billitteri



BORIS GIULIANO - DANIELE BILLITTERI




BORIS GIULIANO

BORIS GIULIANO


BORIS GIULIANO

BORIS GIULIANO - PIPPO FAVA

BORIS GIULIANO











BORIS GIULIANO - PIAZZA ARMERINABORIS GIULIANO - PIAZZA ARMERINABORIS GIULIANO - CORLEONEBORIS GIULIANOASSASSINIO DI BORIS GIULIANO


Il giorno dei funerali, in Cattedrale, vicino la Questura, le strade furono invase dalla gente "qualunque"...uno striscione aveva scritto " via dei Biscottari in lutto . Eravamo tutti amici di Boris ". Era la gente con cui Boris si fermava a parlare quando andava in ufficio.




FUNERALI DI BORIS GIULIANOFUNERALI DI BORIS GIULIANOBORIS GIULIANOBORIS GIULIANOBORIS GIULIANOBORIS GIULIANOBORIS GIULIANOBORIS GIULIANO